26.01.12

La Commissione è preoccupata che l’Italia non abbia attuato correttamente la normativa UE in materia di responsabilità ambientale, per cui i cittadini italiani non godrebbero di una tutela sufficiente. Su raccomandazione del commissario per l’Ambiente Janez Poto?nik, la Commissione sta per inviare un parere motivato complementare per chiedere all’Italia di adeguare in tal senso la propria legislazione. Se l’Italia non risponderà entro due mesi, la Commissione potrebbe adire la Corte di giustizia europea.
La direttiva sulla responsabilità ambientale stabilisce un quadro giuridico per questa materia in base al principio “chi inquina paga”, con l’obiettivo di prevenire e di riparare i danni ambientali. Le persone fisiche e giuridiche che esercitano le attività elencate nella direttiva, o effettuano i controlli, sono oggettivamente responsabili dei danni che causano all’ambiente con la loro attività. Tali danni comprendono i danni ai corpi idrici, alle specie e agli habitat naturali protetti, e al terreno.
Sebbene molte disposizioni della direttiva siano state correttamente recepite, la Commissione ha particolari inquietudini in merito alla mancanza di responsabilità oggettiva e alla possibilità lasciata agli operatori di utilizzare la compensazione finanziaria, anziché riparare il danno. Ad esempio, nella normativa italiana mancano disposizioni che obblighino gli operatori in numerose attività a riparare un danno ambientale che hanno causato pur essendo esenti da colpa.
La Commissione ha evidenziato tali carenze in una lettera di costituzione in mora inviata alle autorità italiane nel febbraio 2008, seguita da un parere motivato il 23 novembre 2009. Successivamente l’Italia ha notificato alcune modifiche apportate alla propria legislazione, che tuttavia, secondo la Commissione, non pongono rimedio alle gravi violazioni della direttiva. Sta quindi per essere inviato un parere motivato complementare.
Prossime tappe
L’Italia ha due mesi di tempo per conformarsi agli obblighi della direttiva. Se omette di farlo, la Commissione potrebbe adire la Corte di giustizia europea.
Contesto
La direttiva 2004/35 sulla responsabilità ambientale intende istituire un quadro giuridico in materia di responsabilità ambientale, basato sul principio “chi inquina paga”, ai fini della prevenzione e della riparazione del danno ambientale. Sono contemplati due tipi di responsabilità: la responsabilità oggettiva, per la quale gli operatori sono tenuti a riparare i danni ambientali che hanno causato anche se esenti da colpa (ciò vale per una serie di attività pericolose elencate nella direttiva, compresi il rilascio di sostanze inquinanti nell’acqua, in mare o nell’aria, le attività industriali o agricole per le quali è richiesta l’autorizzazione ai sensi della direttiva sulla prevenzione e la riduzione integrate dell’inquinamento, le operazioni di gestione dei rifiuti, la produzione, lo stoccaggio, l’uso e il rilascio di sostanze chimiche pericolose, nonché il trasporto, l’impiego e il rilascio di organismi geneticamente modificati); e la responsabilità per colpa per altre attività professionali, per le quali occorre provare che gli operatori sono inadempienti affinché siano obbligati a riparare il danno ambientale.

Fonte


Commenti



6 Commenti

  1.    louis vuitton pas cher on 14 Luglio 2013 05:02

    Kazajst?nThere the connection: the thunder, not the deity.

  2.    Hollister Online Shop on 14 Luglio 2013 05:03

    Your use of the site indicates your agreement to be bound by the Terms of UseKirgizistan.

  3.    louis vuitton tassen on 14 Luglio 2013 05:05

    We need to learn the Contact with inorganic matter, the earth, the Inorganic beings of Don Juan and Carlos Castenada from where we get the energy to build our psychic bodies.Belgia.San Tom? Principe.’But a child left to himself bringeth his mother to shame.

  4.    Hollister Deutschland on 24 Luglio 2013 19:29

    Ik denk dat zij ook wist dat hij de grote liefde van haar leven was geweestA resort known for its luxury, you’ll also be able to enjoy all the amenities of comfort, Tutankhamen- style as the searing Egyptian sun beats down on you.”She warned me about people, she had a good bulls**t meter about people who seemed to be wanting to get close because they were drawn by an ulterior motive.

  5.    Hollister Deutschland on 24 Luglio 2013 19:31

    Another bag that has given me far too many sleepless nights is the Hermes “Birkin” bag.

  6.    mulberry bags on 3 Agosto 2013 17:56

    Saturday April 14:

Nome

Email

Sito web

Speak your mind

Codice di sicurezza: