VENITE AL NOSTRO NUOVO BLOG.

6 Giugno 2016 |  Tagged , , , , | Commenti disabilitati

HO APERTO UN NUOVO BLOG..

VENITE E BENVENUTI.

IL LINK: http://evidenziatoredelweb.altervista.org/ 

Due bilocali indipendenti

due-bilocali-indipendenti
  • due-bilocali-indipendenti
  • due-bilocali-indipendenti
  • due-bilocali-indipendenti
  • due-bilocali-indipendenti
Prezzo 130.000 €
Comune Ventimiglia (IM)
Locali 4
Superficie 60 mq
ULTIMA OFFERTA A 130.000 TUTTI E DUE
Nella parte alta di Ventimiglia nel fantastico borgo antico, dove ogni anno sta riscuotendo sempre più valore, per via delle numerose opere di restauro e abbellimento a pochi metri dal mare e dalla vicina Costa Azzurra e anche il mare a due passi..vi proponiamo questi due bilocali:
Metratura: due bilocali di 30 metri quadrati ciascuno accatastati separatamente con due stanze a immobile e un bagno ognuno, situati uno sopra l’altro in uno stabile di due piani. Situati nella parte più elegante e pulita del vecchio borgo a pochi metri dai due parcheggi.
La via e l’indirizzo: via salita alle mura 14
Facciata appena rifatta e tetto rifatto cinque anni fa.
Quello sopra è appena stato ristrutturato in stile moderno, mentre quello di sotto c’è da fare qualche accorgimento ma è abitabile restaurato il pavimento nel 2012 finestre in alluminio e soffitto a volte.
L’accesso è indipendente e nessuna spesa di condominio.
Vista panoramica su Ventimiglia e scorcio di mare. Molto luminosi posizionati a sud-est
Valore di quello sopra ristrutturato 80.000 euro
Valore di quello sotto 60.000 euro
Se comprate in coppia si può concordare sul prezzo..POSSIAMO SCENDERE COME ULTIMA OFFERTA A 130.000 TUTTI E DUE. ps: ricordo che il tetto è nuovo e la facciata rifatta recentemente. Dunque una spesa in meno. Molto luminosi, non umidi d’inverno e freschi d’estate. Vista panoramica ad ovest con vista Ventimiglia e scorcio di mare. Da visitare..

Inizia bella stagione e vorresti comprare un appartamento vicino alla Costa azzurra e al mare nell’estremo ponente ligure a poco prezzo..?

Si trovano nella parte più pulita ed elegante del centro storico del vecchio borgo di Ventimiglia Alta. Vista panoramica. Siamo privati e non agenzia. In tutti e due si vede scorcio di mare. A tre… Continua »
GUARDA I VIDEO NEL LINK SOPRA

 

 

Ho creato un nuovo blog. Si chiama “L’evidenziatore del Web”. Sarei lusingato se verreste a vederlo. Ci tengo tanto. Ho migliorato la grafica e l’accessibilità. Ho inserito diverse sezioni come: Ambiente, società, famiglia, sociale, economia, e molto altro. Avrete l’opportunità di fare scambiolink oltre che inserire la vostra pubblicità, la quale avrà maggiore visibilità tramite strumenti molto efficaci. 

Il “Mandingo di Dolceacqua” non andrà in pensione, ma avrà meno frequenza. Mi dedicherò con più tenacia su “L’evidenziatore del Web”

Vi ringrazio in anticipo e buona lettura.

Dite la vostra nei commenti se volete. 

Triste notizia giunta dalla Cina per tutti gli amanti dei nostri amici animalisti. Ci uniamo al dolore.

(ANSA) – PECHINO, 18 FEB – Almeno 150 gatti ospitati da una donna ultraottantenne sono morti a Pechino nell’ incendio che ha distrutto la sua casa. Lo scrive oggi il quotidiano Beijing Chenbao (Il mattino di Pechino). La donna, che ha 84 anni ed e’ conosciuta come ”nonna Ding” ospitava da 30 anni nel suo hutong (abitazione tradizionale) centinaia di animali randagi.

L’ incendio, riferisce il giornale, e’ scoppiato venerdi’ alle 5 di mattina locali e un buon numero di felini sono morti carbonizzati o asfissiati.

(AGENPARL) L’ on. Domenico Scilipoti (MRN) insieme a Sara Tommasi presenta oggi alle 14 in una conferenza alla Sala stampa della Camera dei Deputati la sua ultima iniziativa legislativa: una proposta di legge per l’ impignorabilità della prima e unica casa “in ossequio al principio sancito dalla nostra Costituzione sul diritto all’ abitazione, nel rispetto della persona come previsto dagli articoli 2-3-32 e 47 della Carta Costituzionale”.

“E’ inaccettabile – spiega il deputato – che ci siano circa 4.200.000 famiglie che oggi corrono il rischio di subire una procedura esecutiva per il pignoramento della prima e unica casa, e vedano vanificarsi anni di sacrifici a causa di un semplice ritardo nel pagamento di una rata del mutuo dovuto a un errore del sistema bancario o a una mancanza temporanea di liquidità a causa alla perdita del lavoro e, di conseguenza, vedano lievitare gli interessi bancari e l’accanimento persecutorio di Equitalia nei loro confronti”.

“Il 19 febbraio – annuncia dunque Scilipoti – partirà una raccolta firme a livello nazionale a sostegno di questa proposta di legge, per una battaglia di civiltà che tuteli il sacrosanto diritto degli italiani alla casa”.

Roma, 02 feb. – In Italia un bambino su tre e’ in sovrappeso e uno su dieci e’ obeso. Una condizione ”pericolosa che li portera’ quasi certamente a subire malattie cardiovascolari nell’eta’ adulta”. E’ questo l’allarme lanciato da Alt, Associazione per la Lotta alla Trombosi e alle malattie cardiovascolari, in occasione della conferenza stampa annuale, svoltasi a Palazzo Reale. ”La prevenzione dell’obesita’ infantile deve iniziare fin dai neonati, favorendo il piu’ possibile l’allattamento protratto al seno e tenendo sotto controllo l’eccessivo recupero ponderale nei primi anni di vita – ha affermato Alessandro Sartorio, primario Endocrinologo dell’Istituto Auxologico Italiano, IRCCS Milano -. E’ infatti dimostrato che quasi la meta’ dei bambini obesi si manterranno tali anche da adulti e che gli adolescenti obesi presentano una prevalenza elevata di sindrome metabolica, strettamente connessa al tipo di alimentazione. Significativa e’ anche la prevalenza di steatosi epatica nei bambini e negli adolescenti obesi, malattia dovuta all’accumulo di grassi nel fegato, che col tempo portano al danneggiamento irreversibile dell’organo deputato al loro smaltimento”.

L’obesita’, gli ha fatto eco Saverio Dioguardi, professore di Medicina Interna presso l’Universita’ degli Studi di Milano, ”e la arteriosclerosi sono collegati: gli ultimi dati americani ci dicono che nel biennio 2009-2010, il 9,7% dei nuovi nati-lattanti e fino a 2 anni di eta’ era obeso, ed il 16,9% fra i 2 anni ed i 9 anni. Purtroppo stiamo andando nella stessa direzione in Italia. La trombosi e’ causata dall’arteriosclerosi, cioe’ dall’accumulo di placche nelle arterie, che stringono il diametro dei vasi sanguigni fino al punto che l’apporto di sangue diventa inadeguato e i tessuti vengono danneggiati, con conseguenze spesso fatali come nel caso di infarti e ictus . Leggi il seguito

L’unica cosa che devi fare è reinviare questo messaggio ad altre persone, sono solo due minuti niente di più (non si richiede denaro)… Grazie

Vedete le foto di Maria Claudia, che non chiede soldi  ma un’altra cosa che noi possiamo darle.

 

Questo messaggio ha come obbiettivo di giungere nelle mani di persone che possano conoscere questa malattia e che collaborino con noi.
Ciao, sono Maria Claudia:

Non chiedo denaro, guarda solo i miei occhi, e guarda il mio cuore che ti dice che ho bisogno di te per vivere.

Ho una malattia le cui iniziali sono FOP e ho bisogno di incontrare tre famiglie che abbiano questa malattia, in modo che si completi una catena di 10 famiglie e si possano scoprire i geni che causano questa malattia e così si possa risolvere.

Abbi pazienza nel leggere queste righe, e se puoi aiutami, chissà io non avrò mai modo di conoscerti e ringraziarti ma Dio è grande e divino e ti benedirà.

MARIA CLAUDIA

 

Gino e Donatella Bacchiddu <fam.bacchiddu@hotmail.it>


 

Mentre giornali e talk show in tv trattano della vita di celebrità, il capo della tribù Kayapo ha ricevuto la notizia peggiore della sua vita: Dilma, “Il nuovo presidente del Brasile, ha dato l’approvazione per costruire un grande impianto idroelettrico (il terzo più grande del mondo ), e ‘la condanna a morte per tutte le persone vicino al fiume perché la diga sommergerà 400.000 ettari di foresta.

più 40.000 indiani dovranno trovare un altro posto dove vivere. la distruzione degli habitat naturali, la deforestazione e la scomparsa di molte specie è un dato di fatto. ”

Ciò che mi muove nelle viscere, …e che mi fa vergognare di far parte della cultura occidentale, è la reazione del capo della comunità Kayapo quando ha saputo della decisione, il suo gesto di dignità e di impotenza di fronte all’avanzata del progresso capitalista, moderno predatore di civiltà e che non rispetta le differenze. . .

 

Ma sappiamo che una immagine vale mille parole, mostrando la realtà del prezzo reale della nostra borghese “qualità della vita”.

per il fabbisogno di radical chic muore un intero ecosistema e la popolazione residente.

www.Losai.org

“Era ora”. Così l’ex ministro del Turismo, on.Michela Vittoria Brambilla, commenta la sentenza del Tar che impone alla Regione Piemonte di indire, dopo 25 anni di contenzioso legale con il comitato promotore, il referendum sulla caccia. Inoltre l’esponente del Pdl, che è anche presidente della Lega Italiana per la Difesa degli Animali e dell’Ambiente (LEIDAA), chiede che l’iter della nuova legge regionale sulla materia sia sospeso in attesa del pronunciamento dei cittadini. “Mi pare –sostiene l’ex ministro – un’elementare forma di rispetto verso il corpo elettorale, defraudato per un quarto di secolo – suppongo che sia un record mondiale – del diritto di dire la sua su una materia in cui contano le opinioni personali di ciascuno e non le logiche di partito. Dal mio punto di vista – prosegue l’on. Brambilla – il referendum ha un unico difetto: essendo una consultazione regionale non può abolire del tutto la caccia, alla quale, secondo ì’ultimo rapporto Italia di Eurispes, si dichiara contrario il 76,4 per cento degli italiani. Tuttavia rappresenta certamente una straordinaria opportunità, finalmente offerta ai piemontesi, per dare un segnale di civiltà e di cambiamento a tutto il Paese. Un primo passo importante verso il raggiungimento dell’unico obiettivo da perseguire in maniera prioritaria:l’abolizione totale della caccia”.
I
E proprio perché ogni conquista su questo fronte avvicina il traguardo finale, l’ex ministro del Turismo ricorda di aver promosso una proposta di legge per abolire quella parte dell’art.842 del codice civile, che ancor oggi permette ai cacciatori di praticare attività venatoria nei fondi privati, per raddoppiare le distanze alle quali devono attenersi per sparare in prossimità di strade o abitazioni. Infatti, ripete, “la caccia è pericolosa per tutti i cittadini, la cui incolumità viene messa fortemente a rischio da tale barbaro costume, come purtroppo dimostra anche l’ultimo rapporto diffuso dall’associazione vittime della caccia: 11 morti e 75 feriti nella stagione di caccia 2011-12″.

Ma certamente la pratica venatoria é fortemente censurabile anche e soprattutto perché minaccia la Leggi il seguito

26.01.12

La Commissione è preoccupata che l’Italia non abbia attuato correttamente la normativa UE in materia di responsabilità ambientale, per cui i cittadini italiani non godrebbero di una tutela sufficiente. Su raccomandazione del commissario per l’Ambiente Janez Poto?nik, la Commissione sta per inviare un parere motivato complementare per chiedere all’Italia di adeguare in tal senso la propria legislazione. Se l’Italia non risponderà entro due mesi, la Commissione potrebbe adire la Corte di giustizia europea.
La direttiva sulla responsabilità ambientale stabilisce un quadro giuridico per questa materia in base al principio “chi inquina paga”, con l’obiettivo di prevenire e di riparare i danni ambientali. Le persone fisiche e giuridiche che esercitano le attività elencate nella direttiva, o effettuano i controlli, sono oggettivamente responsabili dei danni che causano all’ambiente con la loro attività. Tali danni Leggi il seguito

Avvio dei bandi  per presentare i progetti

Genova. Partiranno a metà della prossima settimana i bandi, per un valore di 15 milioni di euro, per la realizzazione di interventi utili all’inserimento lavorativo delle persone a rischio di esclusione sociale.

Lo ha deciso la Giunta regionale su proposta degli assessori al bilancio e alle politiche sociali, Pippo Rossetti e Lorena Rambaudi. Con questi finanziamenti del fondo sociale europeo parte così la seconda fase del percorso che ha preso il via nel 2010 e che è proseguito nel 2011 con una serie di tavoli territoriali che hanno visto il coinvolgimento dei principali soggetti che si occupano di inclusione sociale. I finanziamenti potranno essere utilizzati per l’inserimento lavorativo di persone senza fissa dimora o in condizioni di povertà estreme, giovani che hanno lasciato prematuramente la scuola, adulti con un basso titolo di studio, disoccupati over 45, disabili fisici o mentali e anche famiglie dei destinatari. Persone a rischio di esclusione sociale“Il bando – spiegano gli assessori Rossetti e Rambaudi – si rivolge ad amministrazioni pubbliche, escluso le Province, sindacati e associazioni di categoria, enti di volontariato, cooperative sociali che potranno presentare i progetti non singolarmente, ma in forma di partenariato”. Gli enti destinatari avranno tempo Leggi il seguito

APPROVATO QUESTA SERA ALLA CAMERA I’EMENDAMENTO ALLA LEGGE COMUNITARIA CHE MIGLIORA LA SCIAGURATA DIRETTIVA EUROPEA 2010/63 E CHIUDE GREEN HILL. UNA VITTORIA IMPORTANTE MA SAREMO SODDISFATTI SOLO QUANDO LA VIVISEZIONE SARÀ ABOLITA.

SCRIVE LA BRAMBILLA NEL SUO PROFILO FACEBOOK… Cari amici, un altro passo in avanti é stato compiuto. L’articolo 16 della legge comunitaria, che recepisce il nostro emendamento in tema di vivisezione, é stato approvato. Questo significa che l’Italia non recepisce la direttiva europea così come licenziata a Bruxelles ma si distingue apportando modifiche sostanziali a tale testo. Ora passerà al voto del senato e poi il governo avrà 60 giorni di tempo per scrivere il decreto legislativo di attuazione. Di seguito vi riporto il testo che é stato approvato questa sera e come migliora quella vergogna che inspiegabilmente la maggioranza dei parlamentari europei hanno votato nel 2010. La vivisezione deve infatti solo essere abolita e deve esse promosso lo sviluppo di metodi alternativi che, peraltro, sono anche più sicuri. Concludo dicendovi che ieri, oggi, le scorse settimane, l’anno Leggi il seguito

Tassa.li: l’app per segnalare i casi di evasione fiscale

“Se tutti pagassero le tasse, tutti pagherebbero di meno”, questa frase ci accompagna ormai da anni visto che l’Italia rimane uno dei paesi con il più alto tasso di evasione fiscale al mondo. Da oggi, con l’applicazione Tassa.li, anche l’utente iPhone può segnalare casi di evasione fiscale direttamente dal dispositivo.

La segnalazione è del tutto anonima e può essere fatta quando, ad esempio, un esercente non rilascia lo scontrino o quando viene emessa uan fattura errata. Le segnalazioni sono geolocalizzate e sono accessibili da tutti gli altri utenti che utilizzano la stessa app. Questa applicazione è nata da un’idea della Startup Weekend, un’organizzazione che mette insieme giovani imprenditori del settore IT e che organizza eventi in tutte le città del mondo.

Fonte

Altro articolo preso sul corriere

Ecco « Tassa.li», il sito internet
per smascherare i «furbetti»

In otto mesi ha ricevuto da tutta Italia più di 17 mila segnalazioni; 2200 da Roma: ristoranti, bar, negozi e bancarelle

ROMA - Il commerciante non rilascia lo scontrino? Il ristoratore con indifferenza dà solo il pre-conto (documento senza alcun valore fiscale) e glissa sulla ricevuta? L’artigiano propone lo sconto, «ma senza fattura»? Per denunciare l’evasione fiscale adesso non c’è Leggi il seguito

Una normativa unica, un’unica esperienza d’uso su Google

Stiamo eliminando oltre 60 diverse norme sulla privacy in tutti i servizi Google per sostituirle con una normativa unica, più breve e di più facile comprensione. Le nuove norme riguardano più prodotti e funzioni, poiché è nostro desiderio creare un’esperienza d’uso che sia meravigliosamente semplice e intuitiva per tutti i serivizi Google.

Questi contenuti sono importanti, quindi ti invitiamo a leggere le Norme sulla privacy e i Termini di servizio aggiornati. Le modifiche diventeranno effettive a partire dal 1° marzo 2012.

Usare più servizi con facilità

Le nuove norme rispecchiano la nostra volontà di creare un’esperienza d’uso semplice che ti permetta di fare ciò di cui hai bisogno, quando lo desideri. Che si tratti di leggere un’email per organizzare una rimpatriata tra amici o di trovare un video preferito da Leggi il seguito

UCRAINA, STERMINIO DI CANI RANDAGI – Tra cinque mesi prenderanno il via gli Europei di calcio 2012 che si terranno in Polonia e Ucraina e le autorità sono già al lavoro per i preparativi, al fine di dare un’immagine sobria e ‘pulita’ delle loro città. Ma l’Organizzazione Internazionale Protezioni Animali, una ong affiliata al dipartimento della pubblica informazione dell’Onu, lancia l’allarme contro lo sterminio indiscriminato di cani e gatti randagi in Ucraina, un’operazione crudele che avviene puntualmente ogni giorno ad opera di impiegati comunali che gettano in pasto polpette avvelenate agli animali in strada o nei parchi. Spesso a rimetterci la vita sono i cani di proprietà che muoiono davanti agli occhi dei propri padroni dopo tremende sofferenze.Ma non finisce qui: gli animali randagi, uccisi o ancora in vita, vengono gettati in forni crematori mobili in modo da far sparire ogni traccia. Sul sito Oipa.org è possibile firmare l’appello e inviare una mail di protesta ai diretti interessati, al fine di chiedere alle autorità ucraine di mettere fine a questo massacro e salvare tanti animali da atroci torture. Luigi Ciamburro

Fonte

 SENTENZA STORICA.UN GIUDICE HA DICHIARATO NULLE TUTTE LE MULTE INVIATE DA EQUITALIA VIA RACCOMANDATA.RISULTATO:TUTTE LE NOTIFICHE SONO NULLE E NON DOVETE PAGARE NULLA!FINALMENTE LA MAGISTRATURA VIENE INCONTRO AI CITTADINI E LI DIFENDE DALLO STROZZINAGGIO DI STATO!DIFFONDETE LA NOTIZIA,NOI DI FREE-ITALY.INFO CONTINUEREMO A PASSARLA AFFINCHE’ TUTTI CONOSCANO LA VERITA’.

di Free-Italy.info
Iniziare la giornata con una notizia così penso sia il sogno di ogni cittadino vessato da Euitalia.Non è fortunatamente il nostro caso,ma personalmente mi metto nei panni di chi,e sono ahimè tanti,si trovano in quella brutta situazione.Andiamo al punto veloce veloce.Non dovete pagare assolutamente le multe che Equitalia vi ha inviato via raccomandata perchè un giudice le ha dichiarate nulla.Mi pare giusto che almeno la notifica la debbano fare di persona,giusto per rendersi conto del male che stanno facendo o che stanno per fare..Ora di conseguenza le multe non le dovete pagare..Già magari neanche avevate i soldi per farlo,ma non è questo il Leggi il seguito

Avranno avuto ragione i Maya con la loro profezia di catastrofi per il 2012? Se il buongiorno si vede dal mattino, infatti, quanto sta accadendo in Germania in questi primi giorni dell’anno non è certamente un buon segno e desta più di una preoccupazione. Non è infatti solo l’Italia ad avere vulcani ancora attivi in Europa: se l’Etna e il Vesuvio destano qualche preoccupazione, pare che i tedeschi non vogliano essere da meno.

Il più grande vulcano sottomarino è nel mar Tirreno

Si chiama vulcano Laacher See e fino a questi ultimi giorni ben pochi sapevano che in Germania ci fossero dei vulcani. E’ situato nelle vicinanze della vecchia capitale tedesca prima delle riunificazione, Bonn, e si trova sotto a un lago, da cui il nome. Ebbene, questo temibile vulcano ha cominciato a ridare segni di vita proprio a inizio 2012. E pensare che la sua ultima eruzione risale a ben 12.900 anni fa, si calcola infatti che esploda circa ogni dieci/dodicimila anni. Le sue dimensioni sono impressionanti: è all’incirca simile al vulcano del Monte Pinatubo in Indonesia, lo stesso che eruttò nel 1991 causando la più disastrosa Leggi il seguito

Quando ti connetti a un sito web, Google Chrome può mostrarti i dettagli relativi alla connessione e avvisarti nel caso non sia possibile stabilire connessioni protette con il sito. Informazioni sulle impostazioni di sicurezza di Google Chrome.

Controlla se il sito sta utilizzando una connessione protetta (SSL)

Se stai inserendo informazioni personali importanti in una pagina, controlla che vi sia l’icona a forma di lucchetto alla sinistra dell’URL del sito nella barra degli indirizzi per sapere se viene usato il protocollo SSL. Il protocollo SSL è un protocollo che fornisce un tunnel crittografato tra il computer e il sito che stai visualizzando. I siti web possono usare il protocollo SSL per evitare che terze parti interferiscano con le informazioni inviate attraverso il tunnel.

Icona Significato
globo Il sito non sta usando il protocollo SSL. La maggior parte dei siti non devono usare il protocollo SSL perché non gestiscono informazioni personali importanti. Evita di inserire informazioni personali importanti, quali nome utente e password.
Icona del lucchettohttps verde Google Chrome ha stabilito correttamente una connessione protetta con il sito che stai visitando. Controlla che vi sia quest’icona e verifica che l’URL abbia il dominio corretto se devi eseguire l’accesso sul sito o inserire informazioni personali importanti nella pagina.Se un sito utilizza un certificato EV SSL (Extended Validation SSL), accanto all’icona in verde viene visualizzato anche il nome dell’organizzazione. Controlla che il browser sia impostato su Verifica revoca certificato server per identificare i siti con certificati EV-SSL.
icona di avviso https giallo Il sito utilizza SSL, ma Google Chrome ha rilevato del contenuto non sicuro nella pagina. Stai attento se ti viene richiesto di inserire informazioni personali importanti in questa pagina. I contenuti non sicuri possono fornire a qualcuno la via d’accesso per modificare l’aspetto della pagina.
icona d'avvisovhttps rosso Il sito utilizza SSL, ma Google Chrome ha rilevato contenuto molto rischioso nella pagina oppure problemi con il certificato del sito. Non inserire informazioni personali importanti in questa pagina. I certificati non validi o altri gravi problemi con https potrebbero essere un indizio che qualcuno stia tentando di interferire con la tua connessione al sito.

Messaggi di avviso SSL

Potresti ricevere un messaggio di avviso quando Google Chrome rileva che il sito visitato potrebbe Leggi il seguito

A fine mese scatta la tassa:

la metà degli incassi servirà

a pagare il fondo per i rimpatri

ROMA

Brutto inizio d’anno per gli immigrati, che grazie a un provvedimento del governo Berlusconi, pubblicato in Gazzetta Ufficiale il 31 dicembre 2011, dovranno pagare una cospicua tassa per poter chiedere o rinnovare il permesso di soggiorno. Una novità già bollata come ingiusta, odiosa e incomprensibile dalle associazioni di tutela dei migranti.

 

Il nuovo contributo era già previsto dalla legge sulla sicurezza del 2009, ma era rimasto sulla carta. Un decreto firmato a ottobre 2011 dagli allora ministri dell’Interno Roberto Maroni e dell’Economia Giulio Tremonti e ora pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale, lo rende operativo a partire dal 30 gennaio prossimo. L’importo di quello che si chiama «contributo per il rilascio e rinnovo del permesso di soggiorno» varia in base alla durata del permesso: 80 euro se è compresa tra tre mesi e un anno, 100 euro se è superiore a un anno e inferiore o pari a due anni, 200 euro per i «soggiornanti di lungo periodo», la cosiddetta «carta di soggiorno». L’esborso si aggiunge al contributo di 27,50 euro per il rilascio del permesso di soggiorno elettronico.

La nuova tassa non riguarda i permessi dei minori, gli stranieri che entrano in Italia per Leggi il seguito

 

 

 

 

 

ps:Secondo alcuni potrebbe apparire come una comunicazione pubblicitaria. (Non è mia intenzione) “Guarda nei commenti”

Per partecipare è necessario registrare il proprio blog ad una delle categorie e promuovere un post in particolare che rappresenti al meglio le proprie capacità.I blog devono essere attivi da almeno sei mesi e aggiornati con una frequenza di almeno un post a settimana, non sono ammessi blog multi autori.

La registrazione al concorso terminerà il 17 gennaio 2012.

I vincitori saranno decretati dal voto degli utenti. Il primo classificato per ogni categoria riceverà in premio un iPad2 3G 32 gb.

Ti stiamo cercando fatti conoscere

TERMINI E CONDIZIONI DELLA PARTECIPAZIONE

Art. 1. Obiettivo del concorso

Il concorso “Enel Blogger Award 2012” (di seguito il “Concorso”) è indetto da Enel S.p.A. ed ha la finalità di contribuire allo sviluppo della cultura e di promuovere la crescita professionale nel settore multimediale riconoscendo il merito personale attraversol’attribuzione dei Leggi il seguito

Nessun motto..!! Solo tanta pazienza e speranza. Per quest’anno è andata così.. Vedremo da gennaio cosa cambierà. Per adesso vi faccio i miei più sinceri e sentiti auguri di buone feste.

Il ministro dell’Ambiente: avremmo dovuto pagare 14 miliardi in sanzioni

Il Canada è diventato il primo Stato che si ritira dal Protocollo di Kyoto sulla riduzione delle emissioni inquinanti; e la Cina liquida la decisione come “deplorevole”, giudicandola contraria agli interessi della comunità internazionale.
Secondo il governo di Ottawa, l’accordo “non funziona” e la ‘piattaforma di Durban’ è ormai il cammino verso il futuro. Di ritorno dalla conferenza sui cambiamenti climatici in Sudafrica, il ministro canadese dell’ambiente Peter Kent ha giustificato la decisione con il fatto che il Canada rischiava di pagare sanzioni per 14 miliardi di dollari se rimaneva tra i firmatari del protocollo: “Invochiamo il diritto legale del Canada di ritirarsi formalmente da Kyoto”, ha detto il ministro. L‘accordo di Kyoto, firmato nel 1997 ed entrato in vigore nel 2005, è l’unico quadro giuridicamente vincolante mai siglato per frenare l’effetto serra, provocato dalle emissioni inquinanti. In base al Protocollo, il Canada si era impegnato a ridurre le proprie emissioni di gas serra del 6 percento rispetto ai livelli del 1990 entro il 2012, ma queste emissioni sono notevolmente aumentate. Arrivato al potere nel 2006, il governo conservatore di Steven Harper aveva apertamente respinto i suoi obblighi e denunciato “l’errore” della firma siglata dal governo liberale che lo aveva preceduto; si era tuttavia impegnato a ridurre le emissioni del 17 percento entro il 2020, un impegno giudicato dagli ambientalisti notevolmente insufficiente.

Fonte

Milano 13.12.2011 – Trasformare i pannolini usati in arredi urbani ed oggetti in plastica, eliminarli dalle discariche, questa la sfida vinta da Pampers con la collaborazione del Centro Riciclo Vedelago (TV) e il Comune di Ponte nelle Alpi (BL) che intendono dar vita al primo sistema sperimentale in Italia di raccolta e riciclo dei pannolini usati. Finalità del progetto è infatti validare l’intera filiera, dalla raccolta differenziata specifica dei prodotti assorbenti per la persona, di tutte le marche, fino alla trasformazione in nuove materie prime da utilizzare in altri processi produttivi. Il nuovo sistema per il riciclo potrebbe essere operativo a Vedelago (TV) presso il Centro Riciclo Vedelago, con cui si stanno definendo gli accordi, già da Settembre 2012, e potrà servire a regime circa 400.000 abitanti, principalmente dell’area fra le province di Treviso e Belluno.

In Italia si producono ogni anno poco più di 32 milioni di tonnellate di rifiuti urbani (fonte ISPRA 2009), il 3% di questi è rappresentato da prodotti assorbenti per la persona di tutte le marche (pannolini, assorbenti femminili, prodotti per l’incontinenza).

Fondamentale  l’unità d’intenti fra i tre promotori del sistema per il riciclo dei pannolini usati. Questa la collaborazione che si intende realizzare:

-              Fater spa, l’azienda che produce e commercializza i pannolini Pampers in Italia, ha promosso l’idea del Leggi il seguito

 

 

 

 

Mentre le parole che sentiamo più spesso sono crisidisoccupazionerecessione,Poste Italiane annuncia che realizzerà ben6000 assunzioni nel corso del 2012. Le figure ricercate sono postalettere e addetti allo smistamento per cui Poste Italiane propone contratti di lavoro a tempo determinato, di durata bimestrale o trimestrale, e lo stipendio è di circa 1.100 Euro al mese.

Le assunzioni saranno realizzate a scaglioni nel corso del 2012 e precisamente verranno effettutate nei mesi di gennaio, aprile, luglio e settembre. Le selezioni per il mese digennaio 2012 sono già aperte: è possibile inviare la propria candidatura attraverso la sezione lavora con noi del sito di Poste Italiane. Siccome la sezione è stata aggiornata è Leggi il seguito

Certo che drammi del genere non fanno altro che far ancor più chiare le idee, su quello che sta succedendo in questi giorni sulla questione delle pensioni rimandate di alcuni anni più là. Immaginiamo di continuare in questo modo, il futuro dei nostri figli e forse anche il nostro, si prospetta senza pensioni.

Leggete l’articolo preso dal sito dell’ANSA

Anziano ruba tre bistecche, pensione non basta

In Veneto due casi simili, denunciata anche addetta pulizie

VENEZIA – Mentre il Natale bussa alle porte, puo’ capitare che qualcuno, pensionato o lavoratore con stipendio minimo, si trovi costretto a rubare per fame. ”La pensione non mi basta per vivere” ha cosi’ confessato un nonnetto di 77 anni pizzicato ieri – riferisce il ”Gazzettino” – a rubare tre bistecche dal banco frigo di un supermarket a Piove di Sacco (Padova). Scoperto dalla vigilanza, che aveva chiamato nel frattempo i carabinieri, per l’anziano affamato e’ scattata comunque la denuncia per furto. Altra citta’ veneta, Treviso, altro caso analogo, sempre ieri. Una cinquantenne sudamericana, addetta alle pulizie, e’ stata sorpresa dal direttore del supermercato dove lavora al mattino mentre caricava in auto cibo e altra merce rubata poco prima dagli scaffali. La donna aveva messo tutto dentro i sacchi della spazzatura. Ma non l’ha fatta franca, perche’ e’ stata denunciata alla polizia. Davanti agli agenti sarebbe scoppiata in lacrime, spiegando che aveva rubato per fame, dato che con il misero stipendio non riesce ad arrivare alla fine del mese.

 

Il Turismo che Vorrei in Liguria è la piattaforma web promossa  dall’Assessorato al Turismo della Regione Liguria  per ascoltare e raccogliere conoscenze e opinioni utili ad elaborare il PIANO TURISTICO TRIENNALE DELLA LIGURIA  in modo partecipato e condiviso. Tutti i contributi saranno considerati utili e meritevoli di essere presi in considerazione nella fase di lavoro in cui gli enti preposti avranno il compito di redigere  il piano vero e proprio.

 

La piattaforma web “Il Turismo che vorrei in Liguria” è una delle azioni  del progetto “Liguria Turismo Bottom-up – sviluppare innovazione e incoming con la partecipazione dal basso e le competenze del web” adottato dall’Assessorato al Turismo della Regione Liguria e composto da un panel di 9 azioni finalizzate a sviluppare qualità, innovazione e competitività dell’offerta turistica ligure. Obiettivo ultimo è quello di definire il piano turistico triennale con un metodo progettuale basato sulla partecipazione dal basso, la responsabilizzazione degli operatori pubblici e privati e il contributo di quanti utilizzano il web come infrastruttura di informazione, collaborazione e  scambio.

Il turismo che vorrei in Liguria è una piattaforma web 2.0 facile da usare  dove le persone,  Leggi il seguito

05-12-2011
Ritorno dell’Ici sulla prima casa, totale deducibilità dell’Irap sul costo del lavoro e riforma delle pensioni con l’aumento dell’età pensionabile: questi i tre capitoli portanti del decreto “salva-Italia” come lo ha definito il presidente del consiglio Mario Monti, presentando la quinta manovra economica del 2011.
La lunga domenica del governo: dopo aver incontrato le parti sociali, il presidente del Consiglio Mario Monti ha riunito il Consiglio dei ministri ed approvato la manovra da venti miliardi netti. Ritorno dell’Ici sulla prima casa, totale deducibilità dell’Irap sul costo del lavoro e riforma delle pensioni con l’aumento dell’età pensionabile: questi i tre capitoli portanti del decreto “salva-Italia” come lo ha definito il premier. Salta l’aumento dell’Irpef al 46% ma aumenterà l’addizionale regionale mentre arriva l’aumento dell’Iva che scatterà dal primo settembre 2012 e un prelievo extra dell’1,5% sui capitali già scudati.
Il decreto contiene 13 miliardi di tagli alle spese e 17 di nuove tasse. 10 miliardi saranno destinati alla crescita e 20 miliardi alla correzione dei conti. L’Europa, intanto, promuove la manovra: si tratta di «misure tempestive e ambiziose», secondo quanto ha dichiarato il commissario Olli Rehn.
«Scelte severe in tempi drammatici – commenta il presidente nazionale di Confesercenti, Marco Venturi -. Il governo Monti è stato costretto a rastrellare le risorse, ed operare delle scelte era inevitabile. Ci saremmo però aspettati più coraggio sul fronte del taglio delle spese, dove si doveva e si poteva fare molto di più. Senza aggredire il flagello dell’accumulo delle spese inutili che attraversa Istituzioni e politica, infatti, ci troveremo di nuovo di fronte all’emergenza dei conti pubblici; senza contare che continueranno a mancare le risorse necessarie alla ripresa. Notiamo inoltre che sono il lavoro dipendente e le Pmi a sopportare di fatto l’onere maggiore della manovra, anche se non sottovalutiamo alcuni interventi sull’accesso al credito e sulla riduzione del costo del lavoro.
Ora, però, chiediamo che si compia ogni sforzo per evitare la recessione prevista per il 2012. Un evento che Leggi il seguito

Ho trovato questo messaggio di aiuto che ci fa un utente tedesco, a quelli del nostro Paese. Ci invita a diffondere il più possibile, per far si che si muovano  le comunità a difesa degli animali. Ho inserito il testo per intero, con un semplice copia e incolla su “google traduttore” per rendere più chiara la situazione. Pensate un pò: dopo il triste momento che stiamo passando nei confronti dell’Europa intera, questa pagina che gira per tutto il Facebook Tedesco, non gioverà affatto alla nostra immagine. Dimostriamo loro che ci stiamo impegnando a fondo a risolvere la situazione al più presto. Diffondete… diffondete….

Ecco il testo tradotto

Si prega di inoltrare larga scala,
Può l’altro o perché il Orgas Peta non fare nulla?
SCRIVE A TUTTI!
Si tratta di un ricovero per animali a Caserta, Napoli, Italia!
Triste Raffy
Da: Ingrid Fechner <ingrid.fechner@googlemail.com>
Per:
Subject: Fwd: la vita animale italiana in grave pericolo di aiuto urgente richiesto!
———- Messaggio inoltrato ———-
Da: abel Ruediger <ruediger-abel@arcor.de>
Data: 26 maggio Novembre 2010 11:08
Subject: FW: la vita animale italiana in grave pericolo di aiuto urgente richiesto!

URGENTE !!!!!!
—– Original Message —–
Da: friedl.karbatsch @ web.de [mailto: friedl.karbatsch @ web.de]
Sent: Venerdì 26 Novembre 2010 10:18
Subject: FW: la vita animale italiana in grave pericolo di aiuto urgente richiesto!
Ciao, amanti degli animali, Leggi il seguito

“Ora basta, non si può continuare ad ignorare l’indignazione dei cittadini”. L’ex ministro del Turismo, on. Michela Vittoria Brambilla, sferra un nuovo attacco contro la “fabbrica della morte” di Green Hill, a Montichiari (BS), l’unico allevamento in Italia di cani beagle destinati alla sperimentazione in vivo, e sollecita tutte le autorità e gli organismi coinvolti nella vicenda, perché decidano finalmente di chiudere il canile-lager. “Ciascuno si assuma le proprie responsabilità – chiede – e la smetta di fingere di non sapere”. In un messaggio sulla sua pagina di Facebook, inoltre, l’ex ministro del Turismo ringrazia tutti i militanti animalisti che questa mattina hanno partecipato, insieme con lei, al presidio contro Green Hill nella piazza del municipio di Montichiari e hanno consegnato al sindaco ben 17 mila firme di italiani che chiedono la chiusura immediata dello stabilimento. “Ora o mai più,” scrive ai militanti animalisti invitandoli a partecipare numerosi a tutti agli eventi e manifestazioni che verranno organizzati, a partire da quelli in programma quest’oggi. “Non bisogna mollare. Ognuno di noi deve fare la sua parte, con la generosità di sempre. E così farò anch’io – promette – sarò con voi.” Il mese scorso, l’on. Brambilla – autrice di un emendamento alla legge comunitaria 2011 che vieta l’allevamento sul territorio nazionale di cani, gatti e primato destinati ai laboratori – ha presentato un esposto alla Procura della Repubblica e ai Nas di Brescia, richiedendo in forma ufficiale un intervento volto ad “accertare violazioni della normativa statale e regionale in materia di tutela del benessere degli animali di affezione”, irregolarità confermate durante un’ispezione di guardie zoofile delegate. La Procura ha aperto un’inchiesta. Inoltre, dopo aver chiesto ed ottenuto di visitare i Leggi il seguito

Per quanto riguarda i telefonini se usati più di un’ora al giorno per la durata di dieci anni, avrai sicuramente il tumore al cervello. Invece per le sigarette quelle in nuova versione anti incendio o hanno doppia cartina o ritardante.. un prodotto chimico che ti uccide dopo poche migliaia di sigarette. Dunque nei prossimi anni la sanità pubblica subirà un danno catostrofico. Condividi bisogna che tutti sappiano.. e che l’uomo cambi abitudini e vizi. Le cifre per le compagnie telefoniche si parla di un fatturato di 45 miliardi di euro l’anno. Perchè i governi vogliono che sempre i normali cittadini paghino i danni finanziari creati da queste società criminali. La pensione a 67 anni non la prenderemo mai. Aiuto..!!!! Ma chi potra salvare questo pianeta così masocchista e crudele??? Aspettando gli extraterrestri…!! Cari genitori non regalate il telefonino ai vostri bambini e fate in modo che venga insegnato anche a scuola il danno che subisce un adolescente dopo un’azione prolungata con il telefonino all’orecchio.

 

 

Oltre tutto ciò: guardate cosa ho trovato nel web al sito cacaonline.it

Le multinazionali più cattive del mondo.  Multinazionali ufficialmente Boicottate.

McDonald’s – Ristorazione

I dipendenti sono sottopagati. Gli animali che forniscono la carne degli hamburger sono costretti a continue gravidanze e vengono imbottiti di antibiotici e farmaci. L’intera “politica pubblicitaria” della multinazionale mira a coinvolgere e convincere i bambini (con regali, promozioni e gadgets). E, ovviamente, quando il bambino rompe i coglioni perché Leggi il seguito

Alle 07.00 sveglia, cominciate ad incamminarvi a piedi in mezzo alla gente che fuma, ride e fanno abbondanti colazioni nei bar. Già solo l’odore del caffè sarà la prima mazzata. Continuate a camminare e vedrete che vi passera la voglia . Dopo un’ora e vi sentite già estranei a tutto, sembra che la gente vi scarti, come se sapesse già che non hai un soldo in tasca. Verso le dieci di mattina vi isolerete in qualche punto appartato, ma ne sarete impediti da un profumo particolare che neanche voi riuscirete a capire. Si chiama appetito. Immaginate un bel panino alla mortadella o al pomodoro, le fantasie si accavallano. A mezzogiorno tutti frettolosi, vedrete la gente dirigersi in tutte le direzioni, chi ha sacchetti della spesa, chi mangia camminando, o chi se ne sta al ristorante. Questo è il momento più brutto, perchè sembra che tutto si fermi e solo tu sei alla ricerca di un qualcosa che non potrai mai avere senza soldi. La fame incomincia a farsi sentire in modo angoscioso. Ti fermi, ti siedi e guardi gli altri. Un cagnolino abbandonato ti si avvicina e tu gli parli. Ti senti come lui. Ti guarda e ti fa pena. Verso le sei di sera, sei stanco e stremato. Odi tutto e tutti. Cominci a capire come fa la gente povera a non mangiare per giorni e settimane. Arriva il buio e il freddo, non sai cosa fare, incominci ad avere paura di non riuscire ad avere le forze per il giorno dopo. Ti guardi intorno e noti l’indifferenza da parte di tutti, anche se sei vestito bene. Vorresti chiedere del cibo a qualcuno ma non ne hai il coraggio. Questo è stato il mio esperimento personale che ho voluto fare. Vi assicuro che ora capisco i veri barboni quando si avvicinano e mi chiedono l’elemosina. Comunque consiglio anche a voi di farla, perchè adesso do più valore a tutto e mi ha rigenerato psicologicamente.

L’offerta ai barboni (quelli veri) la faccio quasi sempre nelle mie possibilità. Se volete farmi guadagnare qualcosa dovrete cliccare nei video nella colonna di destra, dove mi pagano a click qualche piccolo centesimo. Vi ringrazio vivamente. 

Ridotto acconto Irpef di novembre Stretta su sottosegretari, forse 30

(di Francesco Carbone)

Meno tasse da pagare proprio sotto Natale. Così almeno il ‘Cenone’ sarà assicurato. Un cenone da 400 euro. Il decreto che riduce l’acconto da versare a fine novembre, il primo firmato dal Premier, Mario Monti, lascerà infatti nelle tasche dei contribuenti italiani poco più di 3 miliardi. Più o meno 400 euro in media a testa – calcola la Cgia – che però non sono un regalo: dovranno essere restituiti l’anno prossimo a giugno, con il saldo finale dell’Irpef. Ma, in tempi grami come gli attuali, rappresentano una piccola boccata d’ossigeno per attutire l’Iva già scattato oppure da usare per ‘santificare’ le feste. Con un indubbio effetto positivo anche sui consumi.

Plaude Rete Imprese Italia secondo la quale la decisione “permette alle numerose imprese personali, la cui situazione economica è peggiorata nel corso del 2011, di non anticipare tributi che potrebbero risultare non dovuti”. E anche dal Pd si parla di un “buon segnale”. II risparmio Leggi il seguito

In mezzo alle migliaia di persone che sono al governo, sicuramente lei è quella che porta i risultati.

Come donna oltre ad essere bella è anche sensibile verso gli animali. Questo dimostra senso di civiltà e serietà secondo me. Sicuramente non piacerà a molte persone per vari motivi, ma vi assicuro che la sua popolarità sta aumentando a dismisura. Per conto mio donne del genere che siedono al governo servono.

Facciamo massa e andiamo a Milano a difendere i nostri amici da sempre.

Cari amici,

desideriamo comunicarvi che, in occasione del Fur-Free day, che vedrà impegnati migliaia di animalisti in tutto il mondo, “La Coscienza degli Animali” promuoverà un incontro venerdì 25 novembre alle ore 11, presso il Palazzo di via Vivaio 7 a Milano, per denunciare con forza la tragedia degli allevamenti di animali da pelliccia, presentare le conseguenti iniziative intraprese e allo stesso tempo promuovere esperienze positive che possano rappresentare il nostro Made in Italy. Nel corso degli appuntamenti precedenti, abbiamo analizzato tutti i temi relativi al maltrattamento degli animali, alla loro detenzione negli zoo, al loro sfruttamento nei circhi, negli allevamenti intensivi e alla terribile pratica della vivisezione. Inoltre abbiamo dedicato un momento di approfondimento alla caccia. É ora nostra intenzione occuparci di quest’altra inaccettabile crudeltà: milioni di animali ogni anno, che perdono la vita dopo atroci sofferenze per assecondare la vanità umana. Come sempre, contiamo sulla vostra presenza e sul vostro prezioso sostegno in questa importante battaglia di civiltà. 
Un caro saluto.
Michela Vittoria Brambilla e Umberto Veronesi

Guardate anche questo articolo

Presa di posizione del Ministro Brambilla dopo l’intervento di striscia sul lager Green Hill di Montichiari. Foto e video

La seconda edizione della Giornata Nazionale dell’Albero – che oggi viene celebrata, oltre che con numerose iniziative in tutta Italia, anche al Quirinale con la partecipazione del Presidente della Repubblica e dei ministri Cancellieri, Clini e Profumo – nasce con l’obiettivo di sensibilizzare l’opinione pubblica sull’importanza del patrimonio arboreo e boschivo per la tutela della biodiversità, il contrasto ai cambiamenti climatici e la prevenzione del dissesto idrogeologico.

Nel corso delle ultime settimane infatti le piogge che si sono abbattute sul nostro Paese, provocando frane, smottamenti, allagamenti di intere città e purtroppo anche alcune vittime, hanno mostrato ancora una volta come la mancanza di cura per il territorio, il disboscamento di intere montagne causato dal taglio illegale degli alberi o dai numerosi incendi aggravino gli effetti già pesanti dei fenomeni atmosferici e dei loro mutamenti.

Nei recenti tragici eventi che hanno colpito la Liguria e la Toscana un volontario, Sandro Usai, ha sacrificato la propria vita per prestare soccorso ad alcuni cittadini di Monterosso in pericolo a causa dell’alluvione.

Pertanto il Ministero dell’Ambiente e il Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca hanno deciso di dedicare questa Giornata dell’Albero alla giovane vittima insignita della Medaglia d’oro al Valor Civile, che lunedi Leggi il seguito

Quando compri una scatoletta di tonno, sai cosa finisce nel tuo piatto? Abbiamo condotto un monitoraggio in 173 punti vendita sulle etichette di oltre duemila scatolette dei marchi più diffusi in Italia. I risultati parlano  chiaro: l’industria del tonno è poco trasparente.

Nella metà dei casi non sappiamo che specie di tonno mangiamo. Pochi ci dicono da dove arriva: solo il 7 per cento delle scatolette indica l’area di pesca. Quasi nessuno specifica come è stato pescato: nel 97 per cento delle scatolette, infatti, il metodo di pesca non è indicato. Cosa vogliono nasconderci?

Eccessiva, indiscriminata e troppo spesso illegale, la pesca del tonno minaccia l’intero ecosistema marino. Cinque delle otto specie di tonno di interesse commerciale sono minacciate, compreso il tonno pinna gialla. Spesso nelle scatolette finisce tonno pescato con metodi distruttivi, come i palamiti e le reti a  circuizione con “sistemi di aggregazione per pesci” (FAD), che causano ogni anno la morte di migliaia di esemplari giovani di tonno, squali, mante e tartarughe marine.

Senza saperlo i consumatori italiani sono complici della distruzione dei mari: nel nostro Leggi il seguito

Borse in picchiata, tagli draconiani a istruzione, sanità, pensioni e stipendi, ma intanto crescono a dismisura e segretamente le spese per l’acquisto di nuovi sistemi di guerra da destinare alle nostre forze armate. Gli ultimi gioielli di morte vengono dagli Stati Uniti d’America: due velivoli senza pilota UAV Predator, nella versione B “MQ-9 Reaper” per il bombardamento teleguidato contro obiettivi terrestri. A darne notizia non è il ministro della difesa italiano, come ci si aspetterebbe, ma il Dipartimento della difesa USA. “Il contratto, per un valore di 15 milioni di dollari, è stato sottoscritto dall’Aeronautica Militare italiana e prevede pure la fornitura di tre radar LYNX Block 30 e un motore di ricambio”, annuncia Washington. L’acquisizione rientra all’interno del cosiddetto Foreign Military Sales (FMS), il programma per la vendita a paesi terzi di sistemi d’arma prodotti negli Stati Uniti con l’interposizione del Pentagono. In sostanza l’Aeronautica non potrà acquistare direttamente gli UAV dall’industria produttrice (la General Atomics Aeronautical Systems di San Diego, California) ma dovrà affidarsi agli intermediari della Defense Security Cooperation Agency.
Subito dopo la consegna, i due velivoli “MQ-9 Reaper” saranno trasferiti al 28° Gruppo Velivoli Teleguidati “Le Streghe” di Amendola (Foggia), l’unico reparto italiano dotato di velivoli senza pilota, il primo in Europa a fornirsi di sistemi UAV. Il gruppo ha già a disposizione sei “Predator” nella versione A “RQ-1B” (per le missioni d’intelligence, sorveglianza, riconoscimento degli obiettivi e per la lotta all’immigrazione “clandestina”) e due nella versione “MQ-9 Reaper”. Si tratta di strumenti militari sofisticatissimi e particolarmente costosi. Per l’acquisto (nel 2004) dei primi cinque sistemi Predator, l’Italia ha speso 47,8 milioni di dollari; due anni più tardi è arrivato un Leggi il seguito

Certo che in piena crisi economica i grandi non si fanno privare di niente. Non a caso hanno scelto gli hotel più lussuosi e cari della città. Perchè i nostri governanti hanno questa pessima abitutine?? Potevano dare atto di responsabilità, spendendo un pò meno, in quanto si è andati al G20 appositamente per trovare una soluzione alla crisi.
Sarkozy ha speso un pò più di 37.000 euro a notte all’hotel Majestic di Cannes
Barack Hobama e Sivio Berlusconi hanno speso al Carlton hotel 35.000 e 29.000 euro.
Il presidente cinese Hu Jintao  ha speso meno.. Solamente 11.600 euro all’Hotel Gray d’albion, mentre quello che è andato al risparmio più di tutti è David Cameron.Il Ministro Inglese ha sborsato 1950euro a notte a l‘Hotel Marriot. Dunque che dire..???
La prossima volta li mettiamo in tenda!

 

Certo che due scosse di terremoto nell’arco di pochi giorni, non possono passare innosservate. Quest’anno la terra si è accanita contro la nostra zona. Alluvioni terremoti, mafia, inceneritori e porti. Adesso siamo apposto. Siamo al completo grazie..!!! Avremmo solo bisogno di lavoro, e trasparenza burocratica.

Comunque vi ricordo che se avvertite una scossa di terremoto, non precipitatevi a telefonare ai pompieri, intaserete il centralino e potrebbero essere non accettate chiamate di vera urgenza.

Vi ho inserito già da tempo un link nella colonna di destra dove dice:( In caso di una scossa di terremoto, non intasare il centralino della protezione civile, ma clicca quì per i dettagli in tempo reale).

Un terremoto di magnitudo(Ml) 2.3 è avvenuto alle ore 18:19:35 italiane del giorno 10/Nov/2011 (17:19:35 10/Nov/2011 – UTC).

Il terremoto è stato localizzato dalla Rete Sismica Nazionale dell’INGV nel distretto sismico: Alpi_Marittime.

I valori delle coordinate ipocentrali e della magnitudo rappresentano la migliore stima con i dati a disposizione. Eventuali nuovi dati o analisi potrebbero far variare le stime attuali della localizzazione e della magnitudo.

Continua….

Invece soli pochi giorni fa era successo in altra zona vicinissimo.

Un terremoto di magnitudo 2.1 è avvenuto alle ore 18.25 e 23 secondi, con epicentro la Riviera Ligure di Ponente, per la precisione una zona montagnosa non troppo distante da Baiardo, nell’entroterra di Sanremo. Il terremoto è stato localizzato dalla Rete Sismica Nazionale dell’Ingv nel distretto sismico della provincia di Imperia. Continua….

 

PER IL RISPETTO DELL’ESITO REFERENDARIO, PER UN’USCITA ALTERNATIVA DALLA CRISI

Il 12 e 13 giugno scorsi la maggioranza assoluta del popolo italiano ha votato per l’uscita dell’acqua dalle logiche di mercato, per la sua affermazione come bene comune e diritto umano universale e per una gestione pubblica e partecipativa del servizio idrico.

Un voto netto e chiaro, con il quale 27 milioni di donne e uomini, per la prima volta dopo decenni, hanno ripreso fiducia nella partecipazione attiva alla vita politica del nostro paese e hanno indicato un’inversione di rotta rispetto all’idea del mercato come unico regolatore sociale.

Ad oggi nulla di quanto deciso ha trovato alcuna attuazione: la legge d’iniziativa popolare per la ripubblicizzazione dell’acqua continua a giacere nei cassetti delle commissioni parlamentari, gli enti locali – ad eccezione del Comune di Napoli – proseguono la gestione dei servizi idrici attraverso S.p.A. e nessun gestore ha tolto i profitti dalla tariffa.

Non solo. Con l’alibi della crisi e dei diktat della Banca Centrale Europea, il Governo ha rilanciato, attraverso l’art. 4 della manovra estiva, una nuova stagione di privatizzazioni dei servizi pubblici locali, addirittura riproponendo il famigerato”Decreto Ronchi” abrogato dal referendum.
Governo e Confindustria, poteri finanziari e lobbies territoriali, resisi conto che il popolo ha votato contro di loro, hanno semplicemente deciso di abolire il popolo, producendo una nuova e gigantesca espropriazione di democrazia.

IL RISULTATO REFERENDARIO DEVE ESSERE RISPETTATO
E TROVARE IMMEDIATA APPLICAZIONE

Per questo, il movimento per l’acqua si Leggi il seguito

Domani, venerdì, la data palindroma. Dopo un secolo

Come si fa a parlare dell’undici? È un numero primo, tra le cifre simboliche è indicato come «la dozzina del diavolo» e chi la sa lunga sui significati di questa delicata disciplina, dedotta dai pitagorici, assicura che dopo il 10 la sfortuna si accanisce. Altri, però, lo considerano simbolo di rinascita. Dopo quel 10 saccente e pieno, finalmente le carte si rimescolano. Domani, neanche a farlo apposta, sarà l’11/11/11 e, fatale combinazione, alle 11, 11 minuti e 11 secondi si creerà il più lungo palindromo con l’1. Già, palindromo. Vale a dire una sequenza di caratteri che, letta a rovescio, rimane identica (dal greco palin, indietro, e drómos , corsa). La storia non vi convince? Chi scrive è leggermente preoccupato e non vorrebbe trovarsi alle 11, 11, 11 in un luogo sgradevole o con problemi in corso. Parafrasando Benedetto Croce, val sempre la pena ricordare che tali congetture non esistono, ma è bene tenerne conto. E poi la concatenazione è capitata soltanto una volta, e con più forza, nel 1111: fu in quell’anno che Enrico V fece imprigionare papa Pasquale II per ottenere il diritto di investitura e l’incoronazione imperiale, inoltre morì il filosofo al-Ghazali. Aveva 53 anni. Qualcuno, con un pizzico di perfidia, sosterrà che non si era cautelato a sufficienza da talune forze evocate. Proprio con quella combinazione che necessitava di ogni prudenza. Per quel che riguarda l’11 della nostra era, va detto che non ebbe effetti, perché il conteggio cristiano nascerà qualche secolo dopo con il monaco Dionigi il Piccolo. Poi fioccarono gli accostamenti, quali il 7/7/777 (per taluni quel giorno gli alchimisti arabi scoprirono l’acido solforico) o il 9/9/999, quando il sultano Leggi il seguito

Copio e incollo un lunghissimo testo da questo blog, il quale mette sotto osservazione Il quesito Politica. Armatevi di pazienza.. Ma ne vale la pena leggerlo attentamente. Iscrivetevi anche voi al gruppo di “Una Nuova Frontiera”per essere sempre aggiornati. Guardate anche il video di Yvan Rettore per capire meglio il progetto e come poter cambiare questo sistema corrotto e speculativo. Siamo sicuri che non sia proprio questo l’evento positivo che stimolerà il rinnovamento che tanto attendiamo nel 2012..??? Tutto dipende da noi. Siamo noi che possiamo cambiare questo disastro sociale ambientale. La coscienza umana deve risvegliarsi dagli abissi inoltrati.

Chi era Simone Weil?

Simone Weil nacque a Parigi nel 1909 da una famiglia ebrea. Fu studentessa all’Ecole Normale e insegnante di filosofia in vari licei. Militante dell’estrema sinistra rivoluzionaria, nel 1934, spinta dall’inderogabile esigenza interiore di conoscere direttamente le peggiori condizioni di vita dei lavoratori, troncò la professione e gli studi puramente teorici per lavorare come operaia alla Renault di Parigi: fu un duro ma per lei entusiasmante inserimento nella vita. Ammalatasi di pleurite, fu costretta a lasciare l’officina, iniziando un periodo cruciale di intimo ripensamento. Continua….

Ecco il testo:

PREMESSA: MANIFESTO PER LA SOPPRESSIONE DEI PARTITI POLITICI (SIMONE WEIL, 1950)

Questo blog nasce con l’intento di creare un confronto tra tutte le persone seriamente interessate a dare una svolta radicale a questo paese, sia sul piano economico e sociale, che sul piano politico e culturale.

 

Il mio personale auspicio è che tale confronto sfoci poi in tempi brevi nella formazione di un movimento coordinato che cominci ad operare su tutto il territorio nazionale, partendo dalle sue realtà più piccole ed accessibili, per giungere gradualmente a quelle più grandi e complesse.

Intendo fin da adesso premettere quanto segue:

- non si tratta di fondare un nuovo partito o creare liste per partecipare a nuove elezioni;

- sono invitati a partecipare gruppi o persone che abbiano la sincera volontà di realizzare un progetto di largo respiro e di portarlo fino al suo effettivo compimento.

 

A titolo di complemento di quanto sopra, inserisco il testo di cui sotto, in quanto uno dei punti di partenza di questo movimento dovrebbe fondarsi sulla soppressione dei partiti politici, che come già ampiamente dimostrato dalla Storia, non costituiscono affatto una garanzia di democrazia, ma l’hanno semmai ridotta ad un contenitore vuoto nel quale la sovranità popolare è ormai del tutto assente. Il documento in questione è stato scritto da Simone Weil, autorevole intellettuale francese, ed è stato pubblicato per la prima volta nel 1950, ma come volevasi dimostrare, è di un’attualità ancora sconcertante. Buona lettura!

MANIFESTO PER LA SOPPRESSIONE DEI PARTITI POLITICI

di Simone WEIL

(pubblicato per la prima volta nel numero 26

della rivista francese “La Table Ronde” del 1950)

 

LA PAROLA PARTITO E’ QUI USATA NEL SIGNIFICATO CHE HA NEL CONTINENTE EUROPEO. SOLO NEI PAESI ANGLOSASSONI LO STESSO TERMINE DESIGNA UNA REALTA’ AFFATTO DIFFERENTE. AFFONDA LE SUE RADICI NELLA SITUAZIONE Leggi il seguito

 

Cari amici, dopo il servizio che il bravissimo Edoardo Stoppa ha realizzato sul lager Green Hill di Montichiari, desidero darvi un aggiornamento circa l’iniziativa legislativa che abbiamo promosso a riguardo. Dopo l’importante approvazione della scorsa settimana in commissione affari sociali del nostro emendamento alla legge comunitaria 2011, che considero un successo senza precedenti, ora serve tutto il vostro appoggio per sostenere ed accompagnare il restante iter parlamentare. Il testo approvato non lascia spazio ad interpretazioni: vieta in tutto il territorio nazionale l’allevamento di cani, gatti e primati destinati alla sperimentazione. Pertanto, Green Hill dovrà chiudere e, almeno in Italia, non potranno nascere più fabbriche di morte come quella. E vorrei fosse chiaro il fatto che la nostra unica possibilità è rappresentata dalla definitiva approvazione di una legge che vieti quella inaccettabile attività. Infatti, tutta la nostra indignazione e le nostre proteste non potrebbero comunque e in nessun caso essere sufficienti per fare chiudere l’allevamento, in quanto Green Hill opera nel rispetto di quelle che sono le “tragiche” normative oggi vigenti. Ecco perché va cambiata la legge ed ecco perché sono intervenuta in questo senso. Pertanto, considerando i noti interessi che, come ben sapete , si muovono intorno alla sperimentazione animale, è importante creare un forte movimento di opinione che sostenga questa nuova e risolutiva norma nel suo cammino, così che possa contribuire a respingere gli attacchi di chi vorrebbe cancellarla. Io ce la sto mettendo tutta e sto facendo la mia parte. Sono certa che tutti voi farete la vostra, come sempre. Un caro saluto. Michela Vittoria Brambilla.

 

Guardate il video di “Striscia la notizia” Leggi il seguito

La Marcegaglia si è detta anche soddisfatta degli impegni presi dal governo sul fronte della riforma del mercato del lavoro. “Bisogna eliminare tutte le rigidità – ha detto – e introdurre più flessibilità”.

Questo va bene alle aziende, ma viene tolto ogni diritto ai lavoratori. Speculando sui posti di lavoro, prenderli e lasciarli a casa da un momento all’altro, solo quando ne hanno bisogno. Tutto ciò inciderà sul reddito delle famiglie. Bisogna fare una legge ad hoc e garantire il salario minimo giornaliero anche se lasciati a casa, diminuendo le imposte alle aziende che manterranno tale proposito. In questo modo siamo tutti contenti no..!! Potrebbe essere una soluzione questa!

Purtroppo tutto ciò è causato dalla spietata concorrenza dei paesi est asiatici, che per colpa loro le aziende Europee non riescono stare al loro passo, come produttività. Lavorano più ore con salari bassissimi e violando ogni diritto umano. Quello che noi facciamo in un giorno, loro lo producono in un ora. Duque le aziende Europee preferiscono e gli conviene produrre laggiù. Perchè non mettere una tassa nell’importazione di ritorno del prodotto finito?

 

 

Effettua la registrazione a PayPal e inizia subito ad accettare pagamenti con carta di credito.

Quanti di noi hanno dubbi sulla morte di Gheddafi. Guardate bene la foto e sopratutto il naso. Vi sembra lo stesso? A meno che non gli si è rotto nel combattimento con un topo nella fogna dove si nascondeva con la pistola d’oro? Questa foto l’ho ricevuta da uno sconosciuto che vuole che la pubblico. Dunque non posso garantirne l’autenticità. Comunque spero sia morto veramente. Ma non è che me lo vedo a Montecarlo come Osama bin Laden..!! Scherzo naturalmente!

Davanti a questa foto non c’è commento che possa dare una spiegazione. Assurdo..!! Assurdo.. e assurdo..!!! Non può essere vero..!! Tanta crudeltà verso un animale domestico, dove esistono anche pene severe per chi la commette. Ma nessuno ha visto niente..!! L’omertà per i mafiosi farà schifo.. Ma questa la batte tutti. Palermo una città bellissima, ma a volte per colpa di certi atti da parte di quella gente ignorante, la rende odiosa. Invito le autorità competenti a perseguire con rigore e trovare il colpevole. Avete mica paura anche di questo..!!! Per questo caso cambiate il famoso motto siciliano perfavore. (Vedo, parlo e sento) e sopratutto “Denuncio..!!! Sono sicuro che si tratti di un balordo, perlomeno lo spero.

Un cane impiccato a un cassonetto nel quartiere di Marinella, zona Tommaso Natale, a Palermo.

Questo il trattamento che viene riservato ai randagi.

E c’è ancora chi dice che quelli “pericolosi” sono loro, che vivono da soli in strada, esposti alla crudeltà umana.

Gaetano, così si chiamava il cane di quartiere ucciso così barbaramente, ha finito così la sua vita, appeso per il collo a un cassonetto.

Addio Gaetano.

Un corteo d’amore e di rabbia per il povero cucciolo impiccato.

Guarda il video sotto.

Ringrazio il sito “Non Censura” per avermelo fatto notare
Effettua la registrazione a PayPal e inizia subito ad accettare pagamenti con carta di credito.

Tricolore_a_lutto

Accendo il pc, la televisione e come un fulmine a ciel sereno,mi si presenta la terribile notizia di Marco. Personalmente come segno di solidarietà mi metto in lutto.

Amato stimato e gentile. Era così.. Riposa in pace.

Marco Simoncelli non ce l’ha fatta. Il pilota 24enne dell’Honda Team Gresini è morto dopo il gravissimo incidente sul circuito di Sepang, in Malesia. Fatale il contatto con le moto di Colin Edwards e Valentino Rossi che non sono riusciti ad evitarlo dopo la caduta. Al giovane pilota di Coriano (Rimini) si è tolto il casco nell’impatto.

L’incidente è avvenuto al 2° giro del Gp di Malesia. L’italiano della Honda è rimasto appeso alla moto che Leggi il seguito

asl

Modulo e brochure informative:

Cosa cambia e chi ha diritto

  1. Cambiano le modalità per ottenere l’esenzione dal pagamento del ticket per le prestazioni specialistiche ambulatoriali, farmaceutiche e di pronto soccorso. Dal 1° novembre 2011 per ottenere l’esenzione in base al reddito sulle prestazioni specialistiche e farmaceutiche non si può più firmare la ricetta, ma occorre essere in possesso del Leggi il seguito

digitale-e-anziani

Certo che questo paese ha raggiunto un livello assurdo. Dove in un momento dove anziani e disoccupati non riescono a comprarsi neanche da mangiare gli impongono compiti di dovere assoluto..!!!!

Cominciamo con il digitale terrestre:

Perchè imporre una piattaforma solo per ricchi anche ai poveri? Sono d’accordo che aumenta la qualità dei servizi e della grafica immagine dello schermo. Ma non possiamo obbligare anziani che non hanno ne figli, ne nipoti ad affrontare spese extra per vedere un qualcosa che hanno già pagato. In questi giorni sta succedendo qualcosa che veramente mi lascia indignato e lo ritengo “antisociale” Pensionati normali disperati che gli tolgono l’unico strumento manipolato come sono i canali televisivi, dove loro passano gran parte della giornata. Non sanno a chi rivolgersi, non hanno neanche idea di cosa sia una presa scarter, un decoder o addirittura cosa vuol dire digitale. Questi poveretti vogliono solamente vedere la tv normale, non gliene frega niente di interraggire con il telecomando! Non ci vedono..!!! “Lo volete capire”..??? Grazie al passaggio del dgt terrestre le famiglie italiane si indebiteranno di diverse centinaia di euro, per l’acquisto di televisori e decoder , oltre a prolunghe e cavi vari..

Altra cazzata… :Il “Censimento”!!

Secondo voi chi evade scrive verità..??? Ma vi rendete conto che ci sono persone che non riescono neanche a compilare un bollettino e voi Leggi il seguito

green peace

Cerchi lavoro e vuoi unirti a Greenpeace? Entra nel Dialogo Diretto.

Come già saprai Greenpeace è un’organizzazione indipendente che non accetta finanziamenti da aziende e governi, ma solo donazioni da singoli cittadini, come te. Per questo, ormai da qualche anno, cerchiamo i nostri sostenitori uno a uno in strada, tutti i giorni, grazie al lavoro dei dialogatori.

È possibile che tu li abbia incontrati se vivi in una delle città dove siamo presenti con i nostri gruppi: Roma, Milano, Torino, Bologna e Napoli o in giro per l’Italia a fiere ed eventi. Per farti conoscere il Dialogo Diretto e spiegarti il nostro lavoro abbiamo girato un breve video.

green peace logo

Il lavoro dei dialogatori è importantissimo per far conoscere le nostra campagne e trovare il sostegno necessario per portarle avanti. Per questo stiamo cercando persone che amino l’ambiente e abbiano voglia di mettersi in gioco per proteggerlo! Leggi il seguito

No-Bavaglio

(AGI) – Roma, 5 ott. – Torna in piazza del Pantheon a Roma la protesta contro la “legge bavaglio sulle intercettazioni”, organizzata dal Comitato per la liberta’ e il diritto all’informazione, alla cultura e allo spettacolo. Diversi manifestanti hanno la bocca coperta da un bavaglio e cartelli con slogan come: “Blog liberi”, “No bavaglio”. In piazza anche esponenti delle forze politiche di opposizione, tra cui il leader Idv, Antonio Di Pietro, che ha detto: “L’Italia reale e’ stufa di questo uso abnorme delle istituzioni per fare degli interessi personali. Mentre il paese brucia e la rivolta sociale e’ alle porte, tutte le persone per bene devono riunirsi in una manifestazione nazionale per dire che questo Parlamento, che e’ come Gheddafi nel bunker della Sirte, deve andare a casa. E appelliamoci anche al Capo dello Stato: quando mandare un messaggio alle Camere, se non ora…”.

Franco Siddi, segretario Fnsi, ha sottolineato: “Non e’ un problema della stampa, ma un diritto dei cittadini a essere correttamente informati. L’affondo contro il giornalismo e’ un affondo contro la liberta’ di tutti”. Il segretario confederale Cgil, Fulvio Fammoni, ha rilevato: “Mercoledi’ prossimo saremo di nuovo qui, quando ci sara’ il voto finale su questa legge sbagliata. Quando ci sono problemi personali del presidente del Consiglio il Parlamento viene chiamato a intervenire, anche quando il paese e’ nel pieno della crisi Camera e Senato sono intasati da leggi ad personam. La privacy non c’entra, il problema e’ non far conoscere la verita’ su quanto sta accadendo in Italia ai cittadini. Se la legge verra’ approvata andremo di fronte alla Corte costituzionale e alle Corti europee”.

Claudio Giardullo, segretario del Silp, ha portato il sostegno del sindacato delle forze dell’ordine alla protesta ricordando che la nuova legge “renderebbe inutili le intercettazioni a livello investigativo, rendendole difficili se non impossibili. Il vero obiettivo e Leggi il seguito